CASA SAAVEDRA Y MARTINEZ BARONA (FUNDACIÓN CRISTINO DE VERA)

San Cristóbal de La Laguna
- Arquitectura Civil y Doméstica. Anterior al S.XX -




Sulla proprietà della casa, secondo i dati noti, il suo primo proprietario fu Mar a Bustamante e Vizca no, nipote di Antonio Vizca no. Successivamente fu acquisito da Bernardo Forstall, appartenente a una famiglia di mercanti irlandesi, che a sua volta lo vendette nel 1860 a Jos Mart n Mendez, Can nigo e De n del Cabildo cattedrale di La Laguna, che vivevano lì acquistato nel 1859 con un contratto di rivendita di quattro anni.

Jos Mart n Mendez era stato clero di minori e beneficiato della chiesa di Los Remedios de Buenavista, tra il 1820 e il 1830. Nel mezzo di questo giorno ottenne una licenza per studiare all'Università di San Fernando, a La Laguna. Negli anni 1860 fu anche presidente della Commissione dei cappellani, Provisore, Vicario Generale e Governatore ecclesiastico. Morì a La Laguna il 18 gennaio 1877, lasciando sua sorella Mar a del Carmen come erede, che donò la casa a Trinidad Saavedra e Peraza.

Secondo la descrizione dell'ultimo quarto del XIX secolo, la casa aveva una superficie di 453,56 metri quadrati. Trinidad Saavedra morì a La Laguna nel febbraio del 1918, lasciando i suoi nipoti Esteban e Vicente Saavedra Fern ndez come eredi. Vicente Saavedra morì a Santa Cruz de Tenerife nell'aprile del 1936, passando l'usufrutto dell'eredità di Trinidad alla vedova di Vicente, Matilde Togores Balzola, e la proprietà dei suoi figli Vicente ed Esteban Saavedra Togores. Vicente Saavedra Togores morì a Maga, durante la guerra civile spagnola, di unico stato, dichiarando come erede sua madre, Matilde, che morì a Santa Cruz de Tenerife nel 1966, rimanendo come erede suo altro figlio, Esteban Saavedra.

Nel 1746, l'edilizia abitativa ...


La casa oggi Fundacion Cristino de Vera è uno spazio culturale costituito dalla Cassa di risparmio generale delle Isole Canarie, è una fondazione privata senza scopo di lucro e un carattere culturale, educativo, scientifico e artistico. La fondazione ospita il lavoro permanente donato da Don Cristino de Vera, oltre alle mostre temporanee di altri autori delle Canarie.

L'attuale descrizione dell'edificio è quella di una proprietà di una pianta a forma di F invertita, con una facciata principale di due corpi, che si affaccia su San Agust n Street e un cortile interno di

tre lati. La struttura attuale corrisponde a

18 ° secolo dimensioni

della casa sono 884,71 metri quadrati costruiti, su

un terreno di 498 metri quadrati. Di questi, 318,80 metri quadrati, comprese le aree aperte e coperte, corrispondono al piano terra, 333,62 metri quadrati corrispondono al piano superiore e 85,57 metri quadrati al piano terra sotto copertura o fienile, aggiungendo tra i tre un totale di area costruita di 737,99 metri quadrati.

Il set ha anche 146,72 metri quadrati di cortili e giardini, per completare gli 884,71 metri quadrati. Nel nuovo impianto di tano è stata abilitata una superficie costruita sotto il livello del suolo di 85,78 metri quadrati.

Il progetto museale è stato affidato all'architetto Juan Pablo Rodr guez Frade, coautore della riabilitazione con gli architetti Vicente e Fernando Saavedra Mart nez. I ricordi di

Progetto di esecuzione datato maggio 2006.

L'edificio è stato appena restaurato nel maggio 2008.

Al piano terra si trova una reception con punto informazioni, attenzione pubblica e vendita di biglietti e pubblicazioni, slogan e sala mostre temporanee.

Nel cortile principale, c'è un auditorium per 30 persone, è uno spazio versatile e flessibile per presentazioni ...



Casa Saavedra y Martinez Barona (Fundación Cristino de Vera)

L'edificio è stato appena riabilitato nel maggio 2008. Sulla facciata, spiccano le finestre del piano superiore, a dimostrazione che nella sua realizzazione l'ideologia illustrata è stata mescolata, in modo che venga rilevata l'influenza di un classicismo e del quasi pieno superare il barocco.

Le finestre a ghigliottina hanno maros di legno in cui cornici contigue con supporto ad incasso, davanzali con modanatura concava u2013convesse e cornici laterali che imitano lesene, il cui interno è leggermente incassato.

Le finestre a ghigliottina del piano inferiore sostituiscono due finestre, corrispondenti a una riforma del 1938.

Nel 1973 venne apportata un'importante modifica alla facciata. A loro volta, i cuscinetti trovati nella parte inferiore delle finestre erano costruiti con malta cementizia, sostituita nel 1978 da quelli che attualmente hanno legno di tè.

La grondaia è di canter a, con quattro modanature circolari c navava.

La facciata è stata completamente riabilitata, perché le perdite erano già irrecuperabili.

La stessa distribuzione di spazi vuoti fu mantenuta, sostituendo al piano terra, le finestre a ghigliottina, corrispondenti alla riforma del 1938, con le finestre che esistevano prima di loro. Ripristinando in questo modo la facciata iniziale.

Il tetto non ha subito modifiche, è realizzato con piastrelle in ceramica. L'estensione del tetto, il cornicione, mantiene la stessa forma e il cornicione basso è realizzato con lo stesso materiale.

Nell'interno della casa ci furono riforme nel diciannovesimo secolo.

Nella riabilitazione effettuata, il piano superiore è rimasto quasi come

Stava apportando le modifiche più importanti al piano terra, essendo questa la pianta in condizioni peggiori.

La scala di andata e ritorno, ...



Casa Saavedra y Martinez Barona (Fundación Cristino de Vera)
Descripción Documento Descargar Documento
No existe/n Documento/s para este Bien

ESPACIOS URBANOS
Casa Saavedra y Martinez Barona (Fundación Cristino de Vera) Calle San Agustin - Cat:Calles